Arte

Madonna col Bambino con San Giorgio e L’arcangelo Michele

Giovanni di Niccolò de Luteri detto “Dosso Dossi”
1518 / Olio su tela
Galleria Estense – Modena

Dosso Dossi presumibilmente completò quest’opera intorno al 1518 per volere del duca Alfonso I d’Este per la chiesa di S. Agostino a Modena.

La composizione è divisa in due sezioni: la metà superiore è più contenuta con la Madonna col Bambino seduta su una falce di luna, simbolo dell’Immacolata. La metà inferiore mostra San Michele Arcangelo, trionfante sul demone sconfitto che respira il suo ultimo, e San Giorgio (un santo importante per la casa d’Este) che rappresenta il cristiano militante che sconfigge il drago / peccato che languisce ai suoi piedi.

Le spade saggi questo dipinto è molto interessante.

San Giorgio (a sinistra) sta trasportando quello che Norman descrive come una prima evoluzione di ciò che definisce “Hilt 40” rapier (o spada da lato se vogliamo essere più precisi).

Questa elsa specifica che si crede alle origini iberiche fu largamente adottata in Italia per la prima metà del XVI sec. Lionello Boccia, nella descrizione di una spada simile con una lama “Cino” presente nel catalogo del “Museo Civico Medievale” di Bologna – Museo medievale – dice che questo re di guardia, che è orfano del miliardario della lama, era molto popolare tra i Serenissima. Repubblica e ampiamente usato nelle lotte navali.

Sfortunatamente Boccia non fornisce alcuna fonte per questa affermazione. San Giorgio porta anche un pugnale nella giusta posizione “posteriore” che dimostra ancora una volta il livello di conoscenza intima del combattimento e della scherma del Dosso Dossi.

FATTO DIVERTENTE:

La composizione fa riferimento a opere di Raffaello (la Madonna di Foligno e L’estasi di Santa Cecilia) che si trovava a Bologna nel 1515 e divenne immediatamente un riferimento chiave classicista per il grande maestro della scuola padovana.

Condividi Ars Gladii

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *